venerdì 8 settembre 2017

Dal Belvedere di Dascio agli stagni di Peschiera

29 agosto 2017 
Dal Belvedere di Dascio agli stagni di Peschiera con le ragazze e i ragazzi del campo internazionale di Legambiente nella Riserva naturale Pian di Spagna e lago di Mezzola.





martedì 15 agosto 2017

UCCISIONE ORSA Kj2

Trento, 13 agosto 2017                                                                               Comunicato stampa
UCCISIONE ORSA Kj2
CIPRA ITALIA ESPRIME SDEGNO E PREOCCUPAZIONE PER QUANTO ACCADUTO IN TRENTINO

mercoledì 26 luglio 2017

Bandiere nere in provincia di Sondrio? non sono contro i valtellinesi e valchiavennaschi. 

Le critiche espresse dal presidente della provincia di Sondrio nei confronti delle segnalazioni fatte da Legambiente su due casi di grave minaccia agli ambienti montani ovviamente è umanamente comprensibile, non fa mai piacere ricevere giudizi meno che lusinghieri nei confronti della propria terra. Ma forse si poteva essere un po' più signori nell'evitare - dall'alto di un alto ruolo amministrativo - di lasciarsi andare sul social network a valutazioni di tono francamente populista e da tifoseria. Intanto perchè i giudizi di legambiente si basano su atti pubblici e dati oggettivi nella sostanza incontestati e, francamente, non si può pensare che autorizzare il 'bombardamento' di un versante montano per disgregare milioni di metri cubi di granito sia un atto di amore alla propria valle. Nè che lo sia il realizzare un impianto funiviario e un sistema di piste da discesa su un versante d'alta quota sostanzialmente incontaminato, forzando tutte le regole e i vincoli e arrivando a chiedere niente po' di meno che al Presidente del Consiglio dei Ministri una procedura 'indulgente' e speditiva per consentire all'operatore attivo sul territorio livignasco di fare quello che a qualunque altro cittadino non sarebbe consentito.

Carovana delle Alpi 2017 - Bandiere verdi e nere



Sostenibilità ambientale, agricoltura sociale e di qualità, turismo dolce e sostenibile: le chiavi del successo delle pratiche virtuose dell’arco Alpino premiate con le bandiere verdi di Legambiente.

Bandiera nera alla provincia di Sondrio per aver consentito, con l'approvazione della proposta di aggiornamento del Piano Cave il 27/9/2016, l'ampliamento degli ambiti e l'estrazione di quantitativi abnormi dalle cave in Comune di Novate Mezzola, in Valchiavenna

giovedì 20 luglio 2017

Agoni in contrada a Bellano

Sabato 15 luglio 2017 si è svolta la XIII edizione di Agoni in contrada a Bellano. Per la prima volta sono state utilizzate esclusivamente stoviglie biocompostabili. Il nostro Circolo ha apprezzato questa scelta e ha contribuito curando il conferimento dei rifiuti in due postazioni. Auspichiamo che questa pratica, già prevista nel regolamento di utilizzo del Palasole, venga adottata in tutte le sagre del nostro territorio. Abbiamo visto la convinta partecipazione di chi è venuto a mangiare il pesce del lago.

giovedì 6 luglio 2017

Goletta Laghi sul Lario

Dascio mercoledì 5 luglio
In occasione dell'arrivo di Goletta Laghi sul Lario, Kailas ci ha accompagnato nell'esplorazione dello splendido lago Mezzola in canoa:
uno scambio tra il tour operator e l'associazione ambientalista per godere della Riserva naturale del Pian di Spagna rispettandone la naturalità. 

giovedì 1 giugno 2017

Giornata Europea dei Parchi

Comunicato stampa 30 maggio 2017

Il 24 maggio si festeggia la Giornata Europea dei Parchi e si rinnova l'iniziativa della Federazione Europea dei Parchi (EUROPARC) per ricordare il giorno in cui, nel 1909, venne istituito in Svezia il primo.
In Italia la data del questa festa si dilata su più giorni.
Le nostre Associazioni ambientaliste, Legambiente, WWF, Cros Varenna, Lac, Orma, riunite nel gruppo OCCHI SUL PIAN DI SPAGNA, hanno ricordato l’importante ricorrenza domenica 28 maggio, proponendo una piacevole passeggiata attraverso il territorio della Riserva Naturale del Pian di Spagna e Lago di Mezzola, nella suggestiva zona compresa tra il fiume Mera e il Lario.

mercoledì 17 maggio 2017

Il cedro del Libano alla stazione di Perledo-Varenna

Il cedro del Libano alla stazione di Perledo-Varenna: 120 anni per crescere un giorno per morire.
Un albero è un albero è un albero

Il taglio di un albero centenario sano e ben piantato può essere considerato su diversi piani e da diversi angoli di visuale.
- L'autorità non ha condiviso la decisione con i cittadini.
- I motivi non sembrano fondati e credibili.
- Il passaggio delle carte sui tavoli delle diverse autorità di controllo appare più di forma che di sostanziale verifica.
- Si perde un patrimonio collettivo naturale e storico.
- Il lutto sofferto dai molti a cui l'albero appartiene.
Ognuno di questi aspetti può essere messo in parole da chi analizza, da chi accusa, da chi si difende, da chi argomenta, da chi racconta, da chi si lamenta.
C'è qualcuno però che non ha le parole per reagire, per cercare una ragione, per chiedere giustizia, per lanciare un'invettiva: è l'albero che prima svetta imponente, dipinge il cielo con il tronco e i rami, ospita uccelli e canti, concede la sua ombra e il prezioso ossigeno, poi d'un tratto è aggredito, mutilato, fatto a pezzi, impotente, a terra, smembrato. Qualcuno con mezzi meccanici si è accanito su di esso senza pietà, senza sentire la sua vita. Che inutilmente si perde.
Certo noi tagliamo le piante grandi e piccole per nutrirci, scaldarci e costruire ripari e attrezzi. Per questo siamo loro grati e abbiamo cura di sostituirli e piantarne quanti più possiamo.
Ma abbattere in tutta fretta in un giorno un albero sano che ha impiegato centoventi anni a crescere, senza ascoltare chi tenta di fermarci la mano, a questo si può arrivare soltanto se si è perso il contatto con la vita. La vita dell'albero che è anche la nostra vita.
15 maggio 2017
Costanza Panella
Presidente Circolo Legambiente Lario Sponda Orientale

martedì 9 maggio 2017

Lettera aperta al Sindaco di Perledo

   Circolo “Lario sponda orientale”
Al Sindaco del Comune di Perledo

p.c.  Al Comandante del Gruppo Carabinieri Forestale Lecco
Bellano, 2 maggio 2017

Oggetto: Taglio del cedro presso la stazione FS di Perledo-Varenna: lettera aperta al Sindaco di Perledo

Un cittadino di Varenna ha segnalato alla nostra attenzione “il prossimo abbattimento del maestoso Cedro del Libano della stazione di Varenna-Esino-Perledo, un albero di circa 20 metri che da un secolo almeno è uno dei simboli di quel luogo”. Tale abbattimento rientrerebbe nel progetto di riqualificazione turistica del piazzale della stazione approvato dall'Amministrazione di Perledo con Delibera di Giunta n.25 del 31 Marzo 2017.
Sorge spontanea una domanda: come si può chiamare riqualificazione un'operazione che elimina una delle presenze, insieme al cipresso, più significative di quel luogo?

sabato 29 aprile 2017

27 aprile 2017 Angelo e Leandro hanno censito i rifiuti sulla spiaggia di Oro

Plastiche, vetro, ferro, legno, pezzetti di carta, batteria e i frammenti di eternit, ancora presenti anche se meno numerosi rispetto a quando li abbiamo trovati per la prima volta durante PIM 2010.
La loro presenza era nota al Comune e alla Asl. La provincia, con il programma Road Trash, aveva proposto un intervento di asportazione della parte superficiale della spiaggia composta di frammenti di materiali edili, se poi il Comune avesse provveduto a sostituirla con il ghiaino del Pioverna.
Abbiamo sollecitato l'attuale amministrazione comunale a realizzare l'operazione. La spiaggia è frequentata d'estate.
Al via i monitoraggi di Beach litter

venerdì 21 aprile 2017

Il Suolo un Patrimonio sotto i piedi

Lecco 20 aprile 2017 Il suolo: un patrimonio sotto i piedi
Sette associazioni si sono ritrovate insieme al tavolo della sala conferenze del Palazzo delle Paure di Lecco per offrire, ciascuna dal proprio punto di vista e di azione, un contributo originale, di conoscenza e riflessione sul suolo, un patrimonio sotto i piedi non solo in senso fisico.
L'incontro, organizzato dai circoli legambientini della provincia, è stato seguito da numerosi partecipanti attenti e interessati che hanno poi approfittato, chi non l'aveva ancora fatto, dell'aiuto dei volontari per firmare la petizione.

sabato 11 febbraio 2017

Firma la petizione Salva il Suolo

Firma la petizione
Ogni anno in Europa spariscono sotto il cemento 1000 kmq di suolo fertile, un'area estesa come l'intera città di Roma.
Senza un suolo sano e vivo non c'è futuro per l'uomo.  Esso ci protegge dai disastri ambientali, dai cambiamenti climatici, dalle emergenze alimentari. Tutelare il suolo è il primo modo di proteggere uomini, piante, animali.
Nonostante questo, in Europa, non esiste una legge comune che difenda il suolo.
CON LA NOSTRA FIRMA CHIEDIAMO 
che il suolo venga riconosciuto come un patrimonio comune che necessita di protezione a livello europeo, in quanto garantisce la sicurezza alimentare, la conservazione della biodiversità e la regolazione dei cambiamenti climatici.
Chiediamo un quadro legislativo che tuteli i suoli europei dall'eccessiva cementificazione, dalla contaminazione, dall'erosione, dalla perdita di materia organica e dalla perdita di biodiversità.
#People4Soil è un'Iniziativa dei Cittadini Europei sostenuta da più di 400 associazioni.
In Italia sono ACLI, COLDIRETTI, FAI, INU, LEGAMBIENTE, LIPU, Slow Food, WWF, Mani Tese, TCI, Salviamo il Paesaggio, Alce Nero, OXFAM, Pro Natura, AIAB, VAS.

Tesseramento 2017

Sostieni Legambiente: iscriviti ora!

E' aperto il Tesseramento 2017 con lo slogan "Rigeneriamoci"  per un'Europa dei popoli.
Rinnovate la tessera, fate conoscere l'associazione, portate nuovi soci e partecipate alle iniziative. Sostenete  la crescita della coscienza ambientale dei cittadini e degli amministratori,  la diffusione dei comportamenti virtuosi e delle decisioni che tengono conto dell’ambiente.

Forno e Teleriscaldamento

FORNO E TELERISCALDAMENTO: UN BINOMIO DA RIVEDERE. PARTENDO DAI BISOGNI DEL TERRITORIO E
NON DA QUELLI DELL'INCENERITORE
SE DEVE ESSERE TELERISCALDAMENTO, OCCORRE UN'INFRASTRUTTURA SMART: PERCHE' L'INCENERITORE
E' A TERMINE, IL FABBISOGNO ENERGETICO INVECE NO

Giornata mondiale delle zone umide – Riserva Naturale Pian di Spagna e lago di Mezzola

Il 2 febbraio è la Giornata mondiale delle zone umide, ricorrenza del giorno in cui, nel 1971, è stata firmata la Convenzione di Ramsar: un accordo internazionale che da allora ha permesso di identificare le più importanti aree umide del mondo. 
Il focus dell'edizione 2017 della Giornata, "Le zone umide aiutano a far fronte agli eventi meteorologici estremi", sottolinea, tra le tante, un'altra fondamentale funzione di questi ambienti. Le zone umide hanno infatti la capacità di assorbire acqua e proteggere i territori dalle piene.